Partito di Alternativa Comunista

Proclamato lo sciopero Cub, Cobas, SdL

9 novembre

Proclamato lo sciopero Cub, Cobas, SdL

Saremo in piazza a lottare per un grande sciopero unitario

 

Federico Angius*

 

La finanziaria che verrà

 

I soliti dati – falsati - di Padoa Schioppa e soci preparano il terreno all’attacco allo stato sociale attraverso la prossima finanziaria. Il sistema delle bugie a sostegno dell’iniziativa è articolato: si parla di aumenti retributivi nel pubblico impiego, mentre la realtà ci indica salari che hanno perso drammaticamente potere d’acquisto, col progressivo indebolimento ed indebitamento dei lavoratori. Oltre settanta contratti attendono il rinnovo.
D’Alema, già nemico giurato dell’articolo 18, sostiene che l’organico della pubblica amministrazione è troppo pesante e va “alleggerito”. Dunque una finanziaria pesantissima per le fasce più deboli e che non risolve assolutamente la questione del precariato. Il governo va deciso allo scontro con i lavoratori, per i quali è già tempo di mobilitazione nei posti di lavoro

 

Gli accordi di luglio

 

Questo governo si fa dettare la linea direttamente dai padroni, dai banchieri, e dalla Confindustria, copiando il peggio del governo precedente e mischiandolo ad una reazionaria politica di sicurezza, condita dalla beffa degli accordi di luglio in cui, nella parte previdenziale, viene aumentata l’età pensionabile arrivando a peggiorare la Maroni. Segue la truffa ai danni dei lavoratori che svolgono attività gravose o usuranti in quanto è previsto un intervento che riguarda solo 5.000 lavoratori; la riduzione dei coefficienti per il calcolo della pensione penalizzerà i futuri pensionati a partire da chi inizia oggi il lavoro.
La parte degli accordi riguardante gli ammortizzatori sociali è ridicola di fronte alla necessità di contrastare il lavoro precario e creare sostegno al reddito.
In compenso ci sono i soliti regalucci alla Confindustria diminuendo il compenso dovuto per gli straordinari e aumentando il salario aziendale su cui non saranno versati i contributi previdenziali.

 

Saremo in piazza

 

La Cub ha assunto l’impegno dello sciopero generale previsto per il 9 novembre, cui hanno aderito anche Cobas e SdL. È una mobilitazione importante, e quindi la appoggiamo e vi parteciperemo, anche se non dimentichiamo che una risposta incisiva a questi pesantissimi attacchi potrà venire solo dalla costruzione di uno sciopero generale unitario di tutti i lavoratori. Bisogna riorganizzare la lotta come nella straordinaria mobilitazione contro lo scippo del Tfr e rilanciando le ragioni della previdenza pubblica che è stata ulteriormente attaccata dall’accordo del 23 luglio scorso. Bisogna proseguire l’iniziativa contro la guerra e le basi di guerra per cui il Governo Prodi intende stanziare nuovi e importanti fondi, a conferma del proprio carattere guerrafondaio. In definitiva, bisogna combattere contro questo governo con i nostri strumenti di lotta, ricercando la massima unità tra tutti i lavoratori, per colpire uniti, nel nostro interesse.

 

*RdB Cub Cagliari

 

 

 

Newsletter

Compila questo modulo per ricevere la newsletter del Pdac

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 90

NEWS Trotskismo Oggi n15

troskismo_15

Ultimi Video

tv del pdac

Menu principale