Partito di Alternativa Comunista

Un altro regalo per il capitale

Detassazione degli straordinari

Un altro regalo per il capitale 

Francesco Doro

 

Cosa prevede la normativa

 

Il 21 maggio 2008 si è riunito a Napoli il primo consiglio dei ministri del nuovo governo Berlusconi. La riunione dell’esecutivo oltre ad approvare i provvedimenti in materia di sicurezza pubblica, diminuzione del carico fiscale, superamento dell’emergenza rifiuti a Napoli e nell’intera regione Campania, ha reso operativa la proposta sbandierata in campagna elettorale e tanto voluta dalla Confindustria: la detassazione degli straordinari.

In pratica dal 1° luglio 2008 sarà applicata in via sperimentale, per la durata di 6 mesi, con scadenza al 1° di gennaio 2009, la tassazione complessiva del 10% sulle ore di lavoro straordinarie effettuate e sui premi aziendali legati alla produttività, l’aliquota agevolata sarà usufruibile fino ad un limite massimo di 3.000 euro. Il provvedimento che costerà 1 miliardo di euro riguarderà circa 9 milioni lavoratori del settore privato con un reddito dichiarato fino a 30 mila euro. A novembre il governo ha fissato una verifica sugli effetti della sperimentazione. In un secondo momento saranno interessati con normativa a regime anche i dipendenti pubblici per ora esclusi.

 

Ma questo provvedimento avvantaggerà i lavoratori?

 

Pagare di più chi lavora di più! Questo è lo slogan che in questo periodo governo e padronato stanno ripetendo a tamburo battente senza alcuna sosta!

Il provvedimento, finalizzato ad incrementare la produttività del lavoro, si inserisce in un quadro in cui l’Italia è collocata agli ultimi posti per quanto riguarda l’importo medio delle retribuzioni nette dei lavoratori. Si calcola che la perdita di salario corrisponde a circa 7 mila euro annui: i fattori che hanno determinato l'attuale condizione derivano dall’abolizione della scala mobile dei salari e delle pensioni nel 1992; dall’accordo sulla concertazione del 23 luglio 1993 tra Governo, Confindustria e Cgil, Cisl e Uil, che ha vincolato le piattaforme contrattuali alla politica economica stabilita dal governo e i salari all’inflazione programmata, mentre la contrattazione a livello aziendale subordinava i lavoratori agli obiettivi dell’impresa; dai ritardi dei rinnovi contrattuali; dal mancato recupero del fiscal drag. A questo si aggiunge la perdita salariale per giovani ed immigrati dovuta all’introduzione dei nuovi contratti precari con il pacchetto Treu del 1997, legge Biagi del 2003 e infine con Protocollo del 23 luglio 2007. La perdita del potere d’acquisto dei salari è dovuta anche all’inflazione cresciuta negli anni del 35%.

La detassazione degli straordinari "incoraggia" la riforma del modello contrattuale che da qui a breve sarà al centro del confronto tra sindacati e imprese, si determinerà quindi una riduzione della copertura contrattuale dei lavoratori e delle lavoratrici, soprattutto della piccola e media impresa, attraverso il ridimensionamento del contratto nazionale, dando la preferenza, ai contratti di zona, aziendali e, come auspicato da Confindustria, alla contrattazione individuale.

E’ evidente che in quadro così devastante per gli stipendi, la detassazione degli straordinari si potrà tradurre per alcuni lavoratori nell’effettivo aumento immediato della busta paga: si stima che ci sarebbe un aumento effettivo di 589 euro, portando l'importo complessivo dello straordinario da 1.594 a 2.183 annui per un lavoratore metalmeccanico con stipendio di 1.300 euro lordi al mese che effettuasse le 250 ore previste annualmente dal contratto. Da questo “beneficio” saranno inevitabilmente esclusi i lavoratori più deboli: quelli che fanno poche ore straordinarie o non sono proprio in condizioni di farle (madri di famiglia, lavoratori anziani, invalidi ecc.), questo provvedimento di natura estremamente flessibile sarebbe conveniente alle imprese che già utilizzano lo straordinario come strumento per evitare nuove assunzioni e quindi danneggiando l’occupazione soprattutto dei giovani, favorendo così il crumiraggio e l’individualismo. L’aumento di ore di lavoro comporterà un peggioramento delle condizioni dei lavoratori, l’aumento dei rischi, degli incidenti  e degli infortuni.

 

Rispondiamo con il rilancio di una piattaforma rivendicativa.

 

Negli ultimi anni le burocrazie sindacali hanno tenuto a freno le lotte operaie di fronte agli attacchi dei governi e dei padroni, che hanno scaricato e intendono ancora scaricare la crisi economica sui lavoratori. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: salari da fame, aumento della precarietà, aumento dell’orario di lavoro, aumento di incidenti e morti sul lavoro, rinnovi contrattuali di categoria a perdere, ridimensionamento della contrattazione collettiva nazionale! Il padronato ringrazia, incassa e rilancia chiedendo i contratti individuali e le gabbie salariali!

Di fronte a questo scenario è necessario rilanciare un fronte unico di lotta da costruire nei luoghi di lavoro, sulla base di una piattaforma unificante e rivendicativa che metta al centro l’emergenza salari, la riduzione di orario a parità di salario, la lotta alla precarietà, contro gli infortuni sul lavoro e per la salvaguardia della contrattazione nazionale,

Solo così si darà inizio alla resistenza e alla lotta contro le politiche regressive del governo e del padronato.

 

 

Newsletter

Compila questo modulo per ricevere la newsletter del Pdac

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 90

NEWS Trotskismo Oggi n15

troskismo_15

Ultimi Video

tv del pdac

Menu principale