Partito di Alternativa Comunista

La vicenda Telecom

La vicenda Telecom

A proposito del mito capitalista della "cultura di impresa"

 

Alberto Madoglio

 

In queste settimane le cronache politico finanziarie si stanno nuovamente interessando della sorte del più grande gruppo di telecomunicazioni nazionale, Telecom Italia (Ti). Ciò che sta accadendo a questa azienda si inserisce in un quadro più ampio di feroce competizione a livello mondiale nel quale anche le maggiori imprese italiane sono impegnate per accaparrarsi nuovi spazi di mercato e profitti sempre maggiori.

 

Concorrenza e attacco ai lavoratori

 

Nello specifico, il settore delle telecomunicazioni è uno di quelli in cui la concorrenza internazionale è più spietata, soprattutto dopo l'esplosione della bolla speculativa legata allo sviluppo di internet e delle nuove tecnologie, avvenuta nel 2000. Molte delle imprese nate nella fase iniziale dello sviluppo della "new economy" sono sparite, altre si sono fortemente ridimensionate, e anche quelle che sembravano più solide (France Telecom, Deutche Telekom, la spagnola Telefonica), si trovano in una situazione di difficoltà, oberate da un enorme indebitamento che ne limita fortemente lo sviluppo. Il caso di Ti non è quindi isolato e le sue particolarità sono dovute al fatto che la borghesia imperialista italiana è più debole rispetto a quella di altri paesi, ma non per questo meno rapace.
La privatizzazione di Ti fatta dal primo governo Prodi, col sostegno determinante di Rifondazione, ha permesso, insieme a quella dell'Eni, dell'Enel e di molte banche all'epoca di proprietà statale, di creare la base materiale per permettere al capitalismo italiano di affrontare la nuova situazione economica delineatasi dopo il crollo del Muro di Berlino e la nascita dell'euro. Dalla Fiat a Colaninno, fino ad arrivare alla Pirelli di Tronchetti Provera, i vari azionisti che nel tempo hanno avuto il controllo di Ti hanno applicato una ricetta fatta di tagli al personale, precarizzazione del lavoro, aumento esponenziale dei debiti nello stesso momento in cui aumentavano i profitti. Ora questo gioco sembra essere arrivato al capolinea, anche grazie al fatto che il valore delle azioni di Ti si è dimezzato rispetto ai massimi di qualche anno fa.

 

La farsa dell'"italianità imprenditoriale"

 

L'annuncio fatto da Tronchetti Provera, di essere pronto a vendere la sua quota in Ti a una cordata composta dalla statunitense AT&T e alla messicana America Movil, ha fatto cadere nel panico i politici italiani di entrambi gli schieramenti. Appelli a difesa dell' "italianità" di Ti insieme ad analisi bizzarre sulla mancanza della "cultura di impresa" da parte del capitalismo nostrano, hanno monopolizzato il dibattito sui mezzi di telecomunicazione.
Quando politici, analisti economici e giornalisti parlano di interesse nazionale, in realtà parlano dell'interesse di poche famiglie capitalistiche a veder tutelati i loro profitti. Si dimenticano infatti di ricordare che per loro l'interesse nazionale prevede la distruzione del welfare state (pensioni, sanità, scuola ecc.), la perdita del potere d'acquisto dei salari dei lavoratori e un generale impoverimento per milioni di persone.
Non sappiamo ancora con certezza quale sarà l'epilogo della vicenda. E' possibile che la chiamata alle armi fatta dal governo dia qualche risultato. Che le maggiori banche italiane si accollino l'onere di "salvare" Ti, da sole o insieme ai potenziali acquirenti d'oltreoceano. Forse si chiederà l'intervento delle aziende di Berlusconi. E' anche possibile che la competizione fra gli stessi alleati di governo porti ad un risultato che nessuno dei tre maggiori azionisti dell'esecutivo (Prodi, Margherita e Ds) auspica, anche se in queste ultime ore il ruolo da protagonista assunto da Intesa San Paolo (banca i cui dirigenti sono di stretta osservanza prodiana), ci può far dire che sarà il Primo Ministro ad avere l'ultima parola.

 

 

 

 

Newsletter

Compila questo modulo per ricevere la newsletter del Pdac

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 90

NEWS Trotskismo Oggi n15

troskismo_15

Ultimi Video

tv del pdac

Menu principale