Partito di Alternativa Comunista

Attentato contro la sede centrale del partito Obrero

Trovate qui sotto la traduzione di un comunicato del Partido Obrero (PO, Argentina), di denuncia di un attentato incendiario contro la sede centrale del PO a Buenos Aires.

Il grave episodio -come denunciano i compagni del PO- avviene dopo ripetuti attacchi politici da parte del governo contro quella che è la principale forza della sinistra rivoluzionaria in Argentina, nonché parte (insieme all'Amr Progetto Comunista e ad altre organizzazioni in Grecia, Brasile, Stati Uniti, ecc.) del Coordinamento per la Rifondazione della Quarta Internazionale (CRQI).

Ai compagni del PO va tutta la nostra solidarietà.

Francesco Ricci

Attentato contro la sede centrale del Partido Obrero di Argentina

All'alba di lunedì 14, intorno alle 5 della mattina, un gruppo non identificato ha appiccato un incendio nella sede centrale del Partido Obrero, ubicata in via Ayacucho 448, distruggendo totalmente la sala centrale, inclusi 3 computer, materiale di archivio, testi di propaganda e altro ancora da valutare. E' stata forzata una cassaforte, destinata a conservare documentazione, forse con l'intenzione di simulare un furto. Fortunatamente il fuoco non ha raggiunto altre stanze contenenti carte e materiale infiammabile.

Il gruppo ha forzato l'accesso scassinando una grata in uno dei soffitti ed è quindi evidente che il fuoco non è stato provocato per un problema nell'installazione elettrica o per un altro fatto fortuito. Le perizie della polizia hanno evidenziato che ci sono stati tre focolai di incendio. Questa conclusione sarebbe coincidente con quella del magistrato intervenuto. Non esistono prove reali di furto.

Per trovare un responsabile di quello che è successo è necessario ricordare che nelle ultime settimane  sono cresciute significativamente le aggressioni verbali di funzionari del governo contro il PO. Dichiarazioni del Ministro dell'Interno così come di rappresentanti municipali del governo a Buenos Aires attaccano frontalmente il PO incolpandolo di fatti che vanno dalla vicenda della stazione ferroviaria di Haedo, alla mobilitazione antimperialista a Mar del Plata e di Cumbre de las Americas, fino al massacro di Cromagnon [un incendio in un locale privo di misure di sicurezza, che ha provocato la morte di circa 200 giovani, ndt].

Nelle ore precedenti l'attentato il PO aveva fatto appello a mobilitarsi a fianco dei familiari di Cromagnon per questo lunedì, esigendo la destituzione di Ibarra per la sua responsabilità nel massacro della fine dell'anno scorso.

Per la gravità di quanto successo il PO chiede un pronunciamento di tutte le organizzazioni popolari, un'indagine sull'attentato  e sollecita pubblicamente una riunione urgente col Ministero dell'Interno.

Comitato Esecutivo del Partido Obrero

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 114

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac