Partito di Alternativa Comunista

Il porto di Biden è una trappola per Gaza

Il porto di Biden è una trappola per Gaza

 

 

di James Markin (Workers Voice)

 

 

Nel discorso sullo stato dell'Unione di quest'anno, Biden, evidentemente desideroso di liberarsi dell'infamia che si è guadagnato per il suo attivo sostegno al genocidio in corso a Gaza, ha annunciato una nuova misura «umanitaria» per l'enclave assediata. No, Biden non ha promesso di forzare la mano a Israele e di garantire il passaggio di altri camion di aiuti nella Striscia. Né ha promesso di fare pressione su Israele per fermare i crimini. Ha proposto invece un'assurda presa in giro: costruire un porto galleggiante temporaneo al largo di Gaza e usarlo per trasportare aiuti da Cipro.

 

Come funzionerà il piano di Biden?

I dettagli del piano di Biden sono i seguenti: Biden ha promesso di dispiegare la Marina statunitense al largo delle coste di Gaza, dove costruirà un porto galleggiante. Le navi degli aiuti internazionali attraccheranno a Cipro e caricheranno gli aiuti alimentari, che saranno trasferiti al nuovo porto. Da lì, gli aiuti saranno trasportati attraverso il molo artificiale fino alla spiaggia di Gaza, dove i «partner» li distribuiranno alla popolazione affamata.
Secondo quanto riportato dalla Bbc, la società privata Fogbow, gestita da ex funzionari del Dipartimento di Stato, dell'esercito statunitense e della Cia, sarà incaricata di dirigere i «partner» per portare gli aiuti dal molo ai civili di Gaza. Questo garantirà agli Stati Uniti di portare avanti il piano senza mettere «gli stivali sul terreno». È chiaro che la non interferenza nelle operazioni militari israeliane è stata privilegiata rispetto all'efficacia nella distribuzione degli aiuti.
L'intero piano equivale più o meno a una missione militare per distribuire gli aiuti in modo contorto e inefficace. In realtà, non saranno coinvolte solo le truppe statunitensi; la Bbc ha riferito che anche le Forze di Difesa israeliane saranno coinvolte, contribuendo a creare un «cordone esterno» per impedire ai palestinesi di avvicinarsi o entrare nel molo. In realtà, l'esercito israeliano è coinvolto nel piano a tutti i livelli. Per esempio, gli Stati Uniti hanno promesso di permettere a Israele di registrare gli aiuti alimentari prima che lascino Cipro. Ciò significa che Israele sarà pienamente in grado di tagliare gli aiuti come ha fatto in passato per servire la sua più ampia strategia di «affamare» Gaza.

 

Il molo galleggiante: troppo poco e troppo tardi

Se l'obiettivo del piano di Biden è quello di fornire aiuti alle vittime dei crimini israeliani a Gaza, allora il piano è già fallito prima ancora di iniziare. Secondo i media, il porto di fortuna richiederà circa sei settimane per essere completato. Per allora, migliaia di persone saranno morte di fame.
Inoltre, il piano non è in grado di portare alla Striscia aiuti sufficienti a giustificare la costruzione del porto. Come ha sottolineato il governo di Hamas a Gaza, le navi inviate da Cipro non possono trasportare più di due camion standard di aiuti. Chiaramente, una strategia molto più efficiente ed efficace sarebbe quella di trasportare gli aiuti attraverso i valichi di frontiera con il Sinai o addirittura con Israele. In questo modo, come prima della guerra, centinaia di camion di aiuti potrebbero attraversare il confine in un periodo di tempo molto breve.
Questa soluzione chiara e ovvia è stata intenzionalmente ostacolata dallo Stato israeliano e dai gruppi politici sionisti reazionari. Sebbene Israele affermi che 126 camion di aiuti al giorno abbiano attraversato il confine a marzo, si tratta solo di briciole rispetto ai circa 500 che passavano ogni giorno prima dell'inizio della guerra. Le richieste di ispezione israeliane hanno rallentato gli aiuti e i manifestanti sionisti al confine con l'Egitto hanno intenzionalmente impedito per giorni l'ingresso degli aiuti alimentari. Ovviamente, Israele potrebbe sloggiare questi manifestanti, se volesse, ma non l'ha fatto perché contribuiscono alla strategia generale dell'esercito israeliano di ridurre Gaza alla fame.
Israele ha dimostrato che questo è il suo piano attraverso i ripetuti attacchi agli aiuti alimentari a Gaza. Gli esempi più brutali di questa campagna sono stati la serie di massacri di palestinesi in fila per ricevere cibo, tra cui l'ormai famoso «Massacro della farina» in cui 118 civili sono stati uccisi a fine febbraio. In totale, secondo Al Jazeera, questi attacchi hanno causato la morte di 400 persone innocenti. Questa settimana, Israele ha continuato la sua strategia di colpire la distribuzione di cibo con un assalto diretto a un centro di distribuzione dell'Unrwa nella città assediata di Rafah, uccidendo un operatore umanitario e ferendone 22. Questo attacco mortale dimostra la vera natura dell'attacco. Questo attacco mortale dimostra la vera ragione dietro la campagna di menzogne di Israele contro l'agenzia umanitaria delle Nazioni Unite: fornendo aiuti ai palestinesi affamati, l'Unrwa sta minando il piano di Israele di affamare intenzionalmente la popolazione della Striscia di Gaza.

 

La falsa maschera dell'«umanitarismo» di Biden

Come abbiamo visto, se Biden volesse davvero porre fine alle sofferenze della popolazione di Gaza, ci sono un milione di modi che potrebbe scegliere e che sarebbero più efficaci. Infatti, se volesse, potrebbe costringere Israele a fermare del tutto la sua campagna militare nella Striscia di Gaza. Poiché gli Stati Uniti sono la fonte di gran parte dell'hardware militare di Israele, compresi tutti i suoi jet da combattimento, Biden controlla di fatto le sue forze armate. Biden controlla nei fatti l'esercito israeliano. Basterebbe tagliare le forniture militari, compresi i pezzi di ricambio e le munizioni e Israele non sarebbe più in grado di continuare. Tuttavia, Biden non ha scelto di tirare questa leva, perché ciò potrebbe mettere a repentaglio l'efficacia dell'esercito israeliano come strumento dell'imperialismo statunitense nella regione e danneggiare le relazioni degli Stati Uniti con il suo Stato cliente. Decine di migliaia di morti a Gaza sono una perdita accettabile per Biden per garantire che il progetto sionista rimanga abbastanza forte da assumere il controllo della regione per conto dell'imperialismo statunitense.
Tuttavia, il piano del porto galleggiante dimostra che Israele non è in grado di svolgere questo compito da solo. In effetti, Israele non è una potente potenza marittima e questo ha conseguenze sul nuovo boom dell'estrazione di gas naturale nel Mediterraneo orientale. Con l'aumento del fabbisogno di gas naturale dell'Europa a causa della carenza di forniture causata dalla guerra russa in Ucraina, il continente ha cercato nuove fonti di gas naturale. Israele ha colmato questo vuoto espandendo massicciamente la sua capacità di trivellazione offshore e negoziando nuovi accordi economici sull'estrazione di gas naturale liquefatto (Gnl) con Egitto e Libano. I leader di questi Paesi sembrano non preoccuparsi del fatto che ogni goccia di Gnl che Israele estrae è un furto diretto delle risorse naturali palestinesi.
Ma nonostante l'enorme boom, la crescita dello sfruttamento del Gnl israeliano è stata messa in discussione dall'offensiva di Hamas del 7 ottobre. Per un mese, Israele è stato costretto a sospendere la produzione del giacimento Tamar Lng, che si trovava nel raggio d'azione dei razzi lanciati da Gaza. Tuttavia, secondo la Reuters, la produzione è continuata nel giacimento Leviathan Lng, di cui Chevron ha acquistato una quota del 36% nel 2022 insieme al 10% del giacimento Tamar.
Al contempo, l'instabilità causata dalla guerra ha continuato ad avere un effetto negativo sulle operazioni di Gnl in Israele. All'inizio di marzo, BP e una compagnia petrolifera legata agli Emirati Arabi Uniti hanno cancellato i piani di investimento in NewMed Energy, il principale attore nell'estrazione di Gnl in Israele, a causa della guerra in corso. Pertanto, affinché l'operazione di estrazione cresca e attragga maggiori investimenti internazionali, è chiaro che è necessario fare di più per garantire la sicurezza dei giacimenti di Gnl Leviathan e Tamar.
Il bacino galleggiante: non appena il bacino sarà costruito, anche le acque poco profonde che circondano il porto temporaneo dovranno essere messe in sicurezza, giustificando ulteriormente il coinvolgimento delle forze navali statunitensi nel Mediterraneo orientale. Queste forze saranno nella posizione ideale per garantire la sicurezza delle operazioni di estrazione di gas naturale offshore di Israele. Dato che il gigante petrolifero statunitense Chevron è coinvolto nell'estrazione di Gnl offshore, gli Stati Uniti hanno un buon motivo per garantire che le piattaforme continuino a funzionare e che i profitti continuino a tornare ai capitalisti statunitensi. Inoltre, l'espansione della produzione di Gnl israeliano sarà di grande aiuto per l'impero statunitense nello svezzare i suoi Paesi subordinati in Europa dal gas naturale russo. Pertanto, come per i precedenti interventi militari statunitensi giustificati sotto la facciata dell'umanitarismo, come in Jugoslavia o in Libia, anche in questo caso è in gioco una chiara logica imperiale.

 

Non cadete nelle bugie di Biden, battetevi per una Palestina libera!

Ad un esame superficiale, è chiaro che il presunto nuovo piano di Biden per aiutare gli abitanti di Gaza che muoiono di fame è una vile menzogna. Mentre centinaia di migliaia di palestinesi rischiano di morire di fame, Biden si rifiuta di contrastare l’esercito israeliano e vende invece al pubblico il piano del porto galleggiante, impraticabile ed egoistico.
Questo piano farà ben poco per aiutare i palestinesi affamati e non farà altro che radicare ulteriormente le forze militari statunitensi nel Mediterraneo orientale. I lavoratori di tutto il mondo devono fare attenzione a non cadere in questa trappola e lottare invece per l'unica vera soluzione alle sofferenze di Gaza: il ritiro immediato delle forze israeliane e la liberazione della Palestina.

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 


21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac