Partito di Alternativa Comunista

Brasile: il ritorno a scuola è un genocidio

Brasile: il ritorno a scuola è un genocidio

Rafforzare scioperi e mobilitazioni contro le lezioni in presenza

 

 

di Flavia Bischain*

 

 

 

Disinfettante gel scaduto, mancanza di personale, aule soffocanti. Queste sono le condizioni che gli insegnanti dello Stato di San Paolo hanno incontrato con la ripresa delle attività in classe il 29 gennaio. Nonostante l'aggravarsi della pandemia nello Stato, che registra un morto ogni sei minuti, il governatore João Doria (Psdb) e il suo segretario all'Istruzione, Rossieli Soares, hanno affermato che il ritorno a scuola sarebbe stato sicuro. «Il Covid si prende a casa», ha affermato il segretario.
Il risultato del frettoloso ritorno a scuola è stata la contaminazione di 147 insegnanti già nei primi giorni secondo Apeoesp (sindacato insegnanti dello Stato), e questo numero continua a crescere. La stessa situazione si registra nella rete delle scuole private. A Campinas (SP), l'Istituto Educativo Jaime Kratz ha avuto 47 persone contagiate in poco più di una settimana.

 

La sfiducia è ben fondata

Nonostante la grande campagna dei governi e della stampa per tornare alle lezioni in presenza, la sfiducia dei genitori è ancora grande e la maggior parte non manda i propri figli a scuola. La preoccupazione è fondata. La circolazione del nuovo ceppo del virus ha indotto alcuni Paesi europei a chiudere nuovamente le scuole. È il caso di Portogallo, Germania e Regno Unito. In Belgio, uno su cinque dei contagiati è un bambino e il ministro della Salute ha dovuto ammettere che le scuole possono essere i principali focolai.
In Brasile, i nuovi ceppi preoccupano anche gli specialisti. Alcuni Stati hanno già visto un aumento considerevole dell'infezione di bambini e adolescenti. A San Paolo, l'infezione di persone di età compresa tra 10 e 19 anni ha rappresentato l'1% del totale nel marzo 2020. A gennaio di quest'anno, tale numero è salito al 6,7% secondo i dati del governo statale presentati da Globo News. Oltre ai bambini, la preoccupazione è anche per le famiglie, per gli educatori e per l'aggravarsi della pandemia nel suo insieme, poiché la riapertura delle scuole significherà un aumento della circolazione delle persone nei mezzi pubblici, nelle strade e nei negozi.

 

Gli insegnanti iniziano lo sciopero per la vita!

Vista la gravità della situazione, gli operatori scolastici di varie parti del Paese si sono battuti contro il ritorno alle lezioni in presenza. Nella rete comunale di Campina Grande (PB), i lavoratori hanno scioperato chiedendo migliori condizioni di lavoro e miglioramenti nell'istruzione a distanza, oltre a rivendicare la vaccinazione.
A Rio de Janeiro, anche i lavoratori dello Stato regionale e della municipalità hanno scioperato: «Rio de Janeiro ha raggiunto il traguardo della città con il maggior numero di morti per Covid-19 in Brasile e, nonostante ciò, il governo statale e quello municipale vogliono riaprire le scuole. Per questo motivo, siamo in sciopero per la vita: una lotta per tenere le scuole chiuse fino a quando non avremo una vaccinazione per tutti», ha detto Sérgio Perdigão, professore in entrambe le reti (di istruzione, ndt) e nel direttivo di Sepe-RJ (Unione degli insegnanti statali).
Gli insegnanti dello Stato di San Paolo hanno iniziato uno sciopero per la salute a partire dall'8 febbraio, e anche i sindacati del Comune di San Paolo hanno approvato lo sciopero a partire dal 10. Secondo il professor Lucas, di Reviravolta na Educação, «la categoria chiede ai dirigenti sindacali di organizzare assemblee virtuali, poiché teme eventuali manovre di quelle direzioni».
L'unione degli insegnanti della rete privata di Rio Preto (Sinpro), ha deciso lo sciopero dal 9 febbraio. «Chiediamo il lavoro a distanza di tutti i professionisti dell'istruzione fino a quando non avremo la sicurezza sanitaria per tornare», ha detto Letícia Banzatto, direttore di Sinpro.

 

Vaccino per tutti!

Lo sciopero della salute nell'istruzione può salvare vite umane e deve essere unificato a livello nazionale. Tuttavia, la Confederazione Nazionale dei Lavoratori dell'Istruzione (Cnte) non ha adottato misure concrete per unificare le lotte e ha difeso invece i protocolli per il ritorno in classe e l'istruzione ibrida (combinazione di classi in presenza e classi a distanza), oltre a difendere la priorità della vaccinazione esclusivamente per i lavoratori dell'istruzione. Oltre a dividere la classe lavoratrice, questa politica di vaccinazione per i lavoratori dell'istruzione è del tutto insufficiente, poiché i genitori degli studenti rimarrebbero esposti.
La nostra lotta deve associarsi alla richiesta di un miglioramento delle condizioni della didattica a distanza di emergenza (che è stata molto precaria nel 2020), dell'accesso gratuito a Internet, delle attrezzature e del supporto necessari a studenti e insegnanti, oltre che di un adeguato supporto psicologico. È inoltre necessario chiedere ai governi la garanzia di aiuti alimentari alle famiglie, l’elargizione di un sussidio di emergenza e una reale protezione dei bambini e delle donne in caso di violenza domestica.
Per difendere la vita della classe operaia  è necessaria l'unità nazionale nella lotta affinché le attività scolastiche in presenza siano riprese solo dopo la vaccinazione di massa e solo quando la pandemia sarà sotto controllo: abbattiamo il governo genocida di Bolsonaro e Mourão, governo nemico della vita, dei lavoratori, della scienza e dell'istruzione!

 

*Dirigente del sindacato degli insegnanti Apeoesp (Csp Conlutas)

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti


8 febbraio

assemblea zoom Salerno

 

 


 

31 gennaio assemblea zoom lombardia

 


29 gennaio assemblea zoom emiliana

 

 


28 gennaio Roma  assemblea zoom

 


 

martedi 26 gennaio Bari

 


 

21 GENNAIO ASSEMBLEA ZOOM

 

 


16 GENNAIO VICENZA 

 

 


 

21 dicembre Roma

 

 

 

 


 

Domenica 20 dicembre

 

 

 

 

 


 

10 dicembre assemblea lombarda

 

 

 


 

roma 1 dicembre 2020

 

 


30 novembre Salerno

 


 

Assemblea nazionale 

25 novembre


Assemblea Puglia 

20 novembre

 

 


 

Assemblea lombarda   

giovedì 19 novembre 

 


Firenze 6 Novembre

 

 

 

 


ROMA 6 NOVEMBRE

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 98

NEWS Trotskismo Oggi n 17

Ultimi Video

tv del pdac

Menu principale